Giovinazzo: comizio in piazza per Liberi e Uguali

Quando sono in piazza per un comizio - come ho fatto questa mattina a Giovinazzo - mi piace rivolgermi non solo ai tanti che sono venuti appositamente per ascoltare gli interventi, ma soprattutto provo a parlare a chi è più lontano dal palco, dall'altro lato della piazza, chiacchiera, si tiene lontano, e magari è pure un poco scocciato dal volume del comizio. Parlo a loro, provo ad attirare la loro attenzione.
La vittoria di ogni comizio? Quando vedi anche solo una persona girare la testa verso il palco, mentre parli di lavoro precario, scuola, sanità, diritti, e lo guardi avvicinarsi, annuire, battere le mani. 
Ogni ne ho viste tante.
Oggi è una bella giornata.